Atletica. Libellula Libania. Libiamo Libania. Libidine Libania. Record italiano sui 200, sottratto a Manuela Levorato. Da Olimpiade. Andiamo

Libania Grenot

Vanni Zagnoli. Dedicato a Silvia Gilioli

“Andiamo, andiamo”, urla Oscar Bertone, allenatore, ex tuffatore e commentatore dei tuffi con Stefano Bizzotto. Che farebbe anche da solo, come Bragagna, tant’è bravo, in Rai.

Mamma mia. Non so dove, non so perchè, nè come abbia fatto, ma Libania Grenot ha migliorato il record italiano dei 200, levandolo a Manuela Levorato, la veneziana che era diventata personaggio a Quelli che il calcio

E’ brava, è bella. Libania libellula. Libiamo con Libania. Libidine Libania, non voglio esagerare.

Seducente come una sudamericana, agile e tentacolare, civettuola nei dialoghi in diretta con Caporale Elisabetta e con Bragagna Franco e prima con Monetti Attilio e con Tilli Stefano e compagnia briscola.

A Zurigo, due anni fa, vinse il titolo europeo sui 400, poi è sparita.

Volevamo organizzare una festa in suo onore, non ci conosciamo, diventa dura.

Brava, comunque, Libania. Mamma mia. Da olimpiade, da urlo. Da Fabrizio Mori, campione del mondo nel ’99, a Siviglia. Mamma mia. Grazie, vita, per le emozioni dell’atletica.

Regina. Regina Libania..

Vai Libania, vola come Fiona May, Baldini e compagnia.

Cubana laziale. Vai. Attacca, attacca, non affondare sul rettilineo. Vai. Brasile, arriviamo con la panterita