Archivi categoria: Under 21

Questo è l’archivio. Dal 20 ottobre tutto è solo su vannizagnoli.it. Grazie a Silvia e ai sostenitori

Dal 20 ottobre 2016, è attivo il nuovo sito vannizagnoli.it, con youtube. Grazie da Silvia e Vanni Zagnoli. E soprattutto dagli amici.

Il sito all’indirizzo attuale non sarà più aggiornato. Tutti gli articoli pubblicati sono stati trasferiti sulla nuova piattaforma e rimarranno comunque qua come ulteriore archivio.

Il Messaggero. L’under 21 conquista un punto più dei serbi pur essendo inferiore. Nelle ultime 6 edizione solo una finale e una semifinale

Rosseti in azione durante il match contro la Lituania 

Non potevano esserci dubbi, l’Italia va agli Europei under 21 senza spareggi. A Kaunas bastava il pari, restano lo 0-0 e l’imbattibilità, ma avrebbe meritato il successo per le occasioni. Contro la Lituania il gioco è da sufficienza stiracchiata e in fondo neanche con la Serbia era stata brillante. Gli azzurrini vanno oltre i propri limiti, tengono un punto dietro la nazionale del biancoceleste Milinkovic-Savic, più forte. Raggiungono la fase finale per la 19^ volta, è un record, e agli spareggi vanno i serbi, nonostante il 3-1 sulla Slovenia.

Piace la fascia destra, Conti e Benassi spingono che è un piacere, meno la mancina, con Barreca e Grassi timidi. Il gol arriverebbe al 17’ Di Francesco impegna Svedkauskas, sulla ribattuta è in fuorigioco il centrale Caldara. Anche Benassi è insidioso, rientrava dal prestito a Ventura, in Macedonia. Il portiere baltico vola anche sul sinistro di Ricci, sempre da fuori. Il secondo tempo è di qualità inferiore, Rosseti non è così utile alla manovra e allora al centro dell’attacco entra Petagna, reduce dai tre gol con l’Atalanta. Appoggia fuori sulla prima occasione, non ne avrà più. E’ comunque l’under dei bergamaschi, con la grinta di Caldara e Grassi e Andrea Conti re della fascia, neanche fosse Bruno. Traversa dal fondo (nessuno è pronto), sfiora il palo in diagonale con una percussione da Italia maggiore.

I baltici non calciano in porta, sono graziati dalla traversa sull’ultima azione, fra subentrati, Mazzitelli da sinistra per lo stacco di Morosini.
Di Biagio sperava di vincere: “Era una partita ostica. La qualificazione è più che meritata per quanto mostrato nell’anno. Mancano infortunati e convocati in nazionale A, il parco giocatori sopperisce alle assenze, adesso magari scopriremo altri talenti”. Benassi obietta: “Qui potevamo fare un po’ meglio”. Il presidente Tavecchio esulta: “Un grande risultato, arrivato con entusiasmo e professionalità”.

Dal 15 al 30 giugno, gli azzurrini si presenteranno in Polonia con Berardi e lo juventino Mandragora, ora infortunati. Con i 4 chiamati da Ventura sarebbero da finale: Donnarumma avrebbe bisogno di esperienza anche con l’under 21, Romagnoli ha giocato in Macedonia, è difficile che torni; l’altro centrale, Rugani, trova poco spazio anche nella Juve e qui era il leader; Bernardeschi fatica, dopo l’Europeo con i grandi, tuttavia è improbabile che torni con i pari età. Nelle ultime 6 edizioni, gli azzurrini hanno raggiunto solo una finale (persa contro la Spagna, Mangia ct) e la semifinale del 2009 con Casiraghi, eliminato dalla Germania. Anche questo è un buon ciclo.

Vanni Zagnoli

LITUANIA-ITALIA u21 0-0
Lituania (4-2-3-1): Svedkauskas 7; Petrauskas 5,5, Janusevskis 6, Gaspuitis 6, Baravykas 5,5; Artimavicius 5,5, Silkaitis 5,5; Stankevicius 6, Sirgedas 5, Kazlauskas 5 (47′ st Lasickas sv); Ruzgis 5 (29′ st Upstas 5). Ct Vingilys 5. Italia (4-3-3): Cragno sv; Conti 7, Caldara 6,5, Ferrari 6, Barreca 5,5; Benassi 6,5, Cataldi 6,5, Grassi 6 (45′ st Mazzitelli 6); Ricci 6,5, Rosseti 5,5 (12’ st Petagna 5,5), Di Francesco 6 (33′ st Morosini 6). Ct Di Biagio 6,5.
Arbitro: Treimanis (Lettonia) 6,5.
Note: ammoniti Silkaitis, Petrauskas, Grassi, Ricci, Conti. Classifica:(gruppo 2): ITALIA 24; Serbia 23; Slovenia 15, Irlanda 12, Lituania 10, Andorra 3.

A  cura di Francesco Delendati

Il Gazzettino, Lituania-Italia u21 0-0. Azzurrini già qualificati agli europei in Polonia. È la 19^ partecipazione e quest’anno senza passare dagli spareggi. Basta un punto ma l’Italia merita la vittoria. Caldara segna un gol in fuorigioco

Di Francesco contro i difensori lituani 

Per la 19^ volta, l’Italia è qualificata alla fase finale degli Europei under 21. E’ un record e stavolta non passa attraverso gli spareggi. A Kaunas bastava il pari, lo ottiene senza problemi, anzi meritava i tre punti, per la pressione costante. La Serbia supera la Slovenia per 3-1, in valore assoluto è più forte ma va ai playoff. Dal 15 al 30 giugno, gli azzurrini si presenteranno in Polonia per passare almeno il girone, tornassero Donnarumma e Rugani e (improbabile) Romagnoli e Bernardeschi varrebbero la finale.

In Lituania piace la fascia destra, Conti e Benassi spingono, meno la mancina. Al 17’ arriva il gol, ma Caldara è in fuorigioco sulla ribattuta di Svedkauskas, impegnato da Di Francesco. Il portiere vola all’intervallo sul sinistro di Ricci, sempre da fuori. Dopo un’ora Petagna sostituisce il centravanti Rosseti, appoggia fuori e non sarà più pericoloso. E’ comunque l’under degli atalantini, Caldara e Grassi sono attenti, Andrea Conti in fascia è strepitoso: crossa per nessuno, sfiora il palo in diagonale. E sull’ultima azione, di Mazzitelli, Morosini incorna contro la traversa. “Per vincere – ammette Benassi – serviva qualcosa di più”. Ma non era indispensabile.

Vanni Zagnoli

LITUANIA-ITALIA u21 0-0
CLASSIFICA (gruppo 2): ITALIA 24; Serbia (agli spareggi) 23; Slovenia 15, Irlanda 12, Lituania 10, Andorra 3.

A cura di Francesco Delendati

Il Giornale. L’Italia under 21 si qualifica alla fase finale degli Europei. Basta lo 0-0 contro la Lituania. Fantastico sulla destra Conti e Benassi. Con i ritorni di Berardi, Mandragora, Donnarumma e Rugani vale la finale

Vanni Zagnoli
E’ stato davvero il giorno dell’under 21. All’Italia bastava un punto per garantirsi la 19^ fase finale degli Europei (record) e in Lituania l’ha centrato facilmente, tenendo lo 0-0.

I baltici venivano da 3 vittorie nelle ultime 4 gare, eppure la supremazia azzurrina è netta. La nazionale di Gigi Di Biagio (in copertina) attacca bene da destra, con Conti e Benassi, meno a sinistra, con Barreca e Grassi. Le occasioni fioccano per un’ora, il gol arriva su tiro di Federico Di Francesco, vanificato dal fuorigioco di Caldara. L’unica parata di Svedkauskas è sul sinistro di Ricci, anche Benassi comunque è insidioso da fuori.

Nel secondo tempo le triangolazioni restano gradevoli ma il ritmo scende e il centravanti Rosseti tradisce limiti tattici. Per giocare è finito in Svizzera, al Lugano, è fra i 50 giovani controllati dalla Juve. Come Cerri, in genere titolare. Dopo quasi un’ora lascia il posto a Petagna, che irrobustisce la pattuglia atalantina. In difesa convincono i bergamaschi Conti e Caldara, a centrocampo Grassi è molto quotato, a Kaunas fa lavoro oscuro. Andrea Petagna sfiora subito il vantaggio con il tocco mancino, poi si perde e allora gli affondi migliori sono proprio di Andrea Conti: con un bel cross non trova deviazioni, di destro lambisce il palo. Allo scadere la traversa di testa di Morosini nega la vittoria meritata. “Ma avremmo dovuto combinare di più”, ammette capitan Benassi.

Berardi è infortunato, al pari dello juventino Mandragora, tornerà per le amichevoli di novembre, se Ventura non lo chiamerà con la nazionale maggiore. Per gli Europei in programma da metà giugno in Polonia potrebbero tornare Donnarumma e Rugani, mentre Romagnoli e Bernardeschi sono ormai ex. Nelle ultime 6 edizioni, l’Italia vanta solo un secondo posto e una semifinale. Con tutti i migliori vale la finale. Senza, punta a passare il girone.

Classifica (gruppo 2): ITALIA 24; Serbia (agli spareggi) 23; Slovenia 15, Irlanda 12, Lituania 10, Andorra 3.

Ilmessaggero.it e ilgazzettino.it l’under 21. L’Italia tiene lo 0-0 in Lituania, è già fra le 12 finaliste di Polonia 2017. Andrea Conti sembra Bruno, sulla destra. Traversa finale di Morosini, debuttante

http://sport.ilmessaggero.it/calcio/under_21_qualificazioni_europei_italia_di_biagio_lituania_pareggio-2019683.html

http://sport.ilgazzettino.it/calcio/under_21_qualificazioni_europei_italia_di_biagio_lituania_pareggio-2019773.html

Il centrocampista Benassi è fra i migliori anche in Lituania

di Vanni Zagnoli
In Lituania bastava il pari, per qualificarsi per l’Europeo under 21 di Polonia, l’Italia lo centra senza fatica. Non va oltre lo 0-0 ma è molto più pericolosa dei gialloverdi, quasi sempre lontano dall’area di Cragno. Allo scadere il colpo di testa di Morosini centra la traversa, sarebbe stato il giusto premio a una prestazione comunque sufficiente.
A Kaunas è freddo, Di Biagio ostenta un bel berretto azzurro e ammette: “Speravamo di vincere. La gara non è stata esaltante ma ostica. La qualificazione è ampiamente meritata”.
Fra i giovani tifosi italiani presenti grazie al progetto Erasmus
campeggia la bandiera tricolore “Rovigo”. Cerri è in tribuna, anzichè centravanti, il numero 9 va a Rosseti, altrettanto fisico, emigrato in Svizzera, al Lugano, per essere titolare. Alberto Cerri è di proprietà della Juve, alla Spal da un mese non gioca e allora anche nell’under 21 ha perso il posto. Piacciono il movimento del romanista Ricci, non sempre utilizzato nel Sassuolo, e il regista della Lazio Cataldi, per la propulsione.
Di Francesco mette fuori da buona posizione, calcia bene da lontano ma sulla ribattuta è in fuorigioco Caldara, per questo il gol è annullato. Pregevole anche il destro di Benassi, arrivato in nottata dalla Macedonia, dopo la convocazione con l’Italia maggiore.
I lituani aspettano, ogni tanto ripartono di slancio, senza insidiare Cragno, brillante in B con il Benevento. Avevano vinto 3 delle ultime 4 gare, per cui la supremazia totale azzurrina non era scontata. Prima dell’intervallo il sinistro di Ricci fa volare il portiere Svedkauskas.
Il secondo tempo è meno intenso, Petagna subentra a Rosseti e avvicina subito il vantaggio con un tocco sporco ma sarà l’unico squillo dell’atalantino.
Il ritmo scende, Conti raggiunge il fondo, crossa per nessuno e poi meriterebbe il gol con un’azione di forza. La circolazione di palla dalla difesa è un po’ passiva, sulla cerniera baltica, e il contenimento non è sempre perfetto, come dimostrano le tre ammonizioni. L’azione finale è per iniziativa dei nuovi entrati, dalla sinistra Mazzitelli crossa per Morosini, il colpo di testa sbatte contro la traversa. E’ mancata giusto la ciliegina. L’Italia ha già fatto tanto a tenere dietro la Serbia, arrivata a un punto e onestamente più forte.

 

Il Gazzettino, under 21. L’Italia in Andorra, è la prima volta dello sport italiano a certi livelli contro lo staterello tra Francia e Spagna. C’è aria di goleada esterna da record

di-biagio-indicazioni-italia-under-21-settembre-2015-ifa
Luigi Di Biagio

C’è una prima volta intrigante, stasera, per l’Italia, non solo del calcio. Si va alla scoperta di Andorra (nella foto in copertina c’è la bandiera), al primo confronto di vertice con lo sport italiano: l’unico contatto con il principato pirenaico era stato in serie B, con il centrocampista Lima per 4 stagioni nella Triestina. L’under 21 insegue la qualificazione matematica agli Europei ’17 e può firmare la goleada esterna più ampia della storia, dopo l’1-4 d’Irlanda. Si gioca alle 18,30 (Rai2) al municipale di Andorra e i più in forma sono il centrale milanista Romagnoli (gol e autorete procurata, contro l’Eire), l’atalantino Monachello e il centrocampista Benassi, del Torino: “Siamo forti – spiega il capitano -, umili e compatti”.

Domenica mattina, intanto, una delegazione capitanata da Antognoni ha portato al Camp Nou di Barcellona una maglia  azzurra autografata, con il numero 14, al memoriale di Cruijff.

Vanni Zagnoli

Classifica: Italia 16; Serbia 13, Slovenia 12, Irlanda 9, Andorra e Lituania 3.

 

Il Gazzettino, under 21. Gli azzurrini a Dublino per confermare il primato contro l’Irlanda del nostro connazionale Cudicini.

Foto LaPresse - Valerio Andreani 10/02/2016 Città Chiavari (Italia) Sport Calcio Italia Under 21 vs Italia B Gara Amichevole 2016 Stadio Comunale Chiavari Nella foto: luca mazitelli esulta dopo il gol Photo LaPresse - Valerio Andreani 10 February 2016 Città Chiavari (Italy) Sport Soccer Italia Under 21 vs Italia B Friendly Match 2016 Comunale Chiavari Stadium In the pic: luca mazitelli esulta dopo il gol

Il gol di Luca Mazzitelli nell’amichevole di Chiavari contro l’Italia di serie B. Foto LaPresse – Valerio Andreani
(v.zagn.) L’under 21 è a Dublino, dove stasera affronterà l’Irlanda di Carlo Cudicini, ex portiere del Chelsea e ora vice ct: si gioca per le qualificazioni agli Europei, alle 19 italiane, con diretta su Rai2. Gli azzurrini comandano il girone con 13 punti in 5 gare, nel gruppo l’unico di nordest è il terzo portiere Simone Scuffet, friulano che l’Udinese ha mandato in prestito al Como, in B.

Il Gazzettino, l’under 21 fra mète abituali: Castel di Sangro, dopo Reggio. Contro la Lituania è squalificato Cataldi, altri 2-3 cambi. Di Biagio: “In 5 sono già da nazionale”.

di biagio
Gigi Di Biagio

L’under 21 si muove fra mète rituali: Reggio Emilia, per scelta della Mapei proprietaria dello stadio, oggi Castel di Sangro, grazie ai dirigenti federali abruzzesi (Marinelli, in precedenza Gravina), a ricordo della serie B nel paese più piccolo della storia.

Nel pomeriggio non servirà certo un’impresa, per battere la Lituania, vicina agli Europei assoluti ma non competitiva a livello giovanile. “In Serbia – spiega il ct Di Biagio -, abbiamo disputato una gran partita, anche senza vincere. Ora vediamo se siamo una squadra matura: i lituani hanno esterni molto offensivi, eppure  potrebbero aspettarci”.

Squalificato Cataldi, si prevedono altri 2-3 cambi. Il biennio è appena iniziato, non tutti i migliori azzurrini concluderlo. “Berardi e Benassi, Bernardeschi, Romagnoli e Rugani sono pronti per la nazionale”.

  1. Alle 17 (Rai3), Italia-Lituania.

Il Gazzettino, under 21. Il destro di Berardi non funziona, l’Italia rischia di perdere in Serbia ma avrebbe meritato di vincere. Decidono i laziali, sblocca il funanbolico Milinkovic Savic, pareggia Cataldi da fuori

cataldi e milinovic-savic
I laziali Cataldi e Milinkovic-Savic a segno durante Serbia – Italia

A Novi Sad, il paese di Boskov, l’under 21 meriterebbe di vincere, invece rischia di perdere con la Serbia, campione mondiale u20 e d’Europa u19. L’Italia applica il 4-3-3, reggono l’atalantino Andrea Conti a destra e il cagliaritano Barreca al centro. Dopo una chance per Boateng, al 9’ Berardi spreca l’occasione migliore, su fuorigioco non riuscito: si gira e calcia fuori ma il destro non è il suo piede. Si fanno vivi anche Mandragora e Boateng, all’intervallo però sale con la Serbia, così Cragno si tuffa sul sinistro di Cavric e sulla girata di Milinkovic. Berardi è di nuovo solo, sbaglia l’aggancio in area. Alla ripresa a bersaglio Il serbo più noto, Milinkovic Savic, con un sinistro da posizione angolatissima, il portiere è sorpreso. Cerri sbaglia il pareggio, da fuori lo ottiene Cataldi, laziale come l’altro goleador. Infine Romagnoli salva su Grujic. E l’unico di nordest entra al 75’, è il friulano Alessandro Piu, 19enne punta dell’Empoli.

Vanni Zagnoli

SERBIA-ITALIA U21 1-1: st 3’ Milinkovic Savic, 11’ Cataldi. Classifica: Serbia e Italia (4 partite) 10; Irlanda (4), Slovenia (5) 9; Andorra e Lituania (6) 3.

Il Gazzettino, under 21. Battuta anche l’Irlanda: azzurrini a punteggio pieno grazie a Parigini. Bernardeschi, assist e poi l’espulsione.

parigini
Parigini festeggiato dopo il gol

L’under 21 insiste a punteggio pieno, nelle qualificazioni agli Europei. Piove, a Vicenza è fresco, l’Italia attacca con continuità, senza tuttavia costruire grandi opportunità. Il pressing azzurrino è buono, mancano le accelerazioni sugli esterni. Bernardeschi ha una buona chance in avvio di ripresa, calcia sul fondo, ma poi propizia il gol con una palla morbida: appena entrato, Parigini (Perugia) resiste all’irlandese Long e infila con il destro. Già ammonito, il trequartista viola allontana la palla a gioco fermo e viene espulso al 71’. Il finale è di leggera sofferenza, con tre occasioni concesse, gli azzurrini però resistono.

Vanni Zagnoli

ITALIA-IRLANDA 1-0 u21: 26’ st Parigini.

Classifica: Italia (3 partite), Serbia (3), Irlanda (4) e Slovenia (5) 9; Andorra (6) 3; Lituania (5) 0.