Archivi tag: aradori

Tuttosport, basket. Grissin Bon-Banco di Sardegna 86-80. Sassari è avanti a lungo con Odom e altri 4 in doppia cifra. Buoni sprazzi di Needham, Lesic e anche di Delroy James, ma sono decisivi Polonara e gli altri italiani

La stesura originale del commento per Tuttosport

VANNI ZAGNOLI

Vince Reggio, sotto per oltre tre quarti di gara, grazie alla difesa del secondo tempo e all’ultima frazione di Polonara (in copertina), contornato dalle triple di Della Valle e Gentile. Insomma, è sempre la Grissin Bon degli italiani.

Con Sassari resta una partita speciale, dalla bellissima finale di un anno e mezzo fa, agguantata dalla Dinamo a gara7, negli ultimi 2’, dopo l’intera serie a inseguire. I sardi sono stati anche gli unici a vincere a Reggio in regular season, la scorsa stagione, stavolta ci vanno vicini. Il PalaBigi sarà pronto tra un mese, per Cantù, intanto i biancorossi emigrano al PalaDozza, come per l’Eurochallenge del 2014, dominata.

La squadra di Pasquini, unico allenatore e gm, comanda dall’inizio, dal 5-12 di Lydeka, Polonara regala un vantaggio isolato alla Grissin. Johnson Odom ruba palla al 18enne Strautins, appena entrato, e schiaccia il 13-21: é il dominatore del primo tempo, con 6/7, per una squadra che all’intervallo vanta 12 assist contro 3. Due infrazioni di passi di fila impediscono a Reggio di pareggiare, così il Banco vola sul 26-37 con Stipcevic, approfittando dell’1/14 emiliano da tre. Alla ripresa lo strattone della Grissin, con Aradori, la verve di Della Valle e una stoppata di Cervi, ma sul +1 Sassari riprende il largo con la tripla di Sacchetti: è alla 300^ partita con il Banco, in tribuna fa sorridere il papà Romeo, allenatore del triplete sassarese, adesso a Brindisi, accanto a Matteo Boniciolli, che proverà a riportare in A la Fortitudo. Delroy James e Needham autografano l’altra fiammata, il play americano segna 9 punti nel 3° parziale ma fatica in difesa. Il Banco soffre l’atletismo della Grissin eppure ripassa con Carter.

Anche Lesic entra nel match, gli arbitri tuttavia abusano dell’antisportivo, ne fischiano 2 a De Nicolao, che così deve uscire definitivamente, nonostante abbia appunto solo quei due falli. Il nuovo metro non convince. Il finale è bellissimo, con due triple di Gentile e una di Lesic, cui risponde Odom, con due consecutive. Polonara sembra portarla dalla parte di Reggio, con anche una stoppata, ma Stipcevic con 5 punti e Savanovic resistono riportano avanti il Banco. Achille mette 4 liberi di fila per l’82-80. Johnson Odom fa 0/2 dalla lunetta e Needham cattura il rimbalzo e azzecca i personali della sicurezza.

REGGIO EMILIA-SASSARI 86-80
GRISSIN BON: Needham 12 (4-6 1-4), Della Valle 12 (2-4 2-4), Aradori 15 (3-5 1-5), James 11 (4-7 1-5), Cervi 4 (2-5); De Nicolao (0-1 da 3), S. Gentile 10 (2-3 2-3), Strautins, Polonara 12 (4-5), Lesic 9 (3-4 1-3). Allenatore: Menetti.
BANCO DI SARDEGNA: Lacey 6 (3-7 0-2), Johnson Odom 24 (4-8 4-6), Savanovic 11 (3-5 1-3), Carter 4 (2-4 0-2), Lydeka 10 (5-8); Stipcevic 10 (2-6 1-3), D’Ercole (0-1), Sacchetti 5 (1-3 da 3), Olaseni 10 (5-5). Ne Ebeling, Monaldi, Devecchi. All. Pasquini.
Arbitro: Paternicò, Baldini, Attard.
Note: parziali 13-16, 30-40, 59-55. Tiri: da 2 R 24-39, S 24-44; da 3 R 8-25, S 7-19; liberi R 14-17, S. 11-14. Rimbalzi: R 35 (12 off; Polonara 6), S 29 (9 off, 6 Olaseni). Recuperi: R 5, S 6. Perse: R 14, S 13. Assist: R 15, S 17 (6 Johnson-Odom). Spettatori: 4660.

A cura di Francesco Delendati

Basket. Armani-Grissin 2-2. Le strisce di Della Valle, Aradori e Sanders. Il punteggio basso, il fattore campo, la pessima accoglienza per Cinciarini, a Reggio

Alganews.it, basket. Il 3-2 di Reggio Emilia su Avellino. Sul 68-65 si scatenano gli italiani di Menetti: De Nicolao, Aradori, Polonara

 

L’originalità del commento per Tuttosport, che poi è stato cambiato radicalmente, da Piero Guerrini, forte della sua competenza molto superiore alla mia, ma solo per questioni di orario e di arrivo nel sistema editoriale.

Lo ripesco, qui, per Alganews.it e magari per altre testate online

REGGIO EMILIA. Il 3-2 della Grissin arriva con la gara più equilibrata della serie, anche più della prima, e con Aradori. Reggio non subisce sotto i tabelloni, resta imbattibile al PalaBigi, dove da un anno e mezzo ha perso solo in Eurocup.

La tripla di Lavrinovic al 12′ offre il 25-17, Sidigas controbrekka per 9-0, con Ragland e Nunnally. Buva e Cervi sono contenuti dai 3 lunghi e Aradori dà il 37-31. Nel terzo quarto Lavrinovic dall’arco e Della Valle in contropiede firmano il 57-48 del 27′, complici 4 perse.

Sidigas risale a -5 con Cervi, Ragland si acquieta sul più bello, servirebbe Acher, ma è ai funerali della madre. Si chiude al 34′ con il fallo in attacco a Buva, il tecnico a Sacripanti e la tripla di Needham. C’è però l’ultimo colpo di reni irpino, di Nunnally con due conclusioni pesanti e Cervi. Sul 68-65 l’arrampicata degli italiani, De Nicolao, Polonara e Aradori. VANNI ZAGNOLI

GRISSIN BON-SIDIGAS 82-72 REGGIO EMILIA: De Nicolao 8 (3-3 0-2), Kaukenas 10 (3-7 1-6), Aradori 16 (6-8 0-2), Silins 3 (1-3 da tre), Lavrinovic 10 (1-6 2-2); Needham 9 (1-1 2-3), Gentile (0-3 0-1), Della Valle 11 (3-4 1-5), Polonara 8 (3-4 0-4), Golubovic 7 (3-3). Ne Parrillo. All. Menetti. AVELLINO: Ragland 23 (5-8 1-5), Veikalas 2 (1-1 0-2), Nunnally 21 (2-3 4-8), Leunen 4 (1-2 0-1), Cervi 4 (2-4); Green 3 (0-3 1-5), Ongwae (0-1 0-1), Severini 2, Buva 6 (2-6 0-1), Pini 2 (1-1). Ne Parlato, Norcino. All. Sacripanti. Arbitri: Taurino, Mazzoni, Sardella. Note. Parziali: 18-13, 39-38, 57-50. Da 2: R 23-39, A 14-29. Da 3: R 7-28, A 6-23. Liberi: R 15-17, A 26-33. Rimbalzi: R 38 (10 o, 9 Aradori e Polonara), A 34 (7 o, 8 Leunen). Perse R 11, A 15; Rec R 8, A 5. Assist: R 14, A 8. 5 falli: Buva al 34′, Silins al 39′. Spettatori 3460.

Tuttosport. Basket, Aradori in casa va sempre in striscia, aveva ragione Datome, è da Nba. Superbreak contro Brindisi di 30-7, con persino Strautins pivot

Pietro Aradori è al miglior girone di ritorno in carriera
Pietro Aradori è al miglior girone di ritorno in carriera

L’integralità del commento per Tuttosport

GRISSIN BON REGGIO EMILIA-ENEL BRINDISI 76-59 (15-17, 34-30, 55-37)

REGGIO EMILIA: De Nicolao 2 (1-1 0-1), Kaukenas 14 (1-5 3-7), Aradori 19 (4-6 3-6), Polonara 13 (4-5 0-5), Veremeenko 8 (2-2); Della Valle 11 (1-1 2-9), Silins 7 (1-3 da tre), Strautins 2 (1-1 0-1), Lusvarghi. Ne Degli Esposti Castori. All. Menetti.

BRINDISI: Cournooh 2 (1-5 0-3), Banks 18 (7-11 0-6), Scott 12 (3-9 1-4), Zerini 2 (1-1 0-0), Anosike 2 (1-3 0-1); Trotter 5 (1-2 0-2), Harris 3 (0-3 1-2), Cardillo (0-1 da tre), Milosevic (0-1 da tre), Gagic 15 (6-7). Ne De Gennaro, Marzaioli. All. Bucchi.

Arbitri: Sahin, Aronne, Caiazza.

Note. Tiri da 2: R 14-21, B 20-41. Tiri da da 3: R 9-32, B 2-20. Tiri liberi: R 21-25, B 13-17. Rimbalzi: R 38 (11 off, 9 Aradori, Polonara), B 32 (11 off, 8 Scott). Perse R 17 (5 Veremeenko), B 13; Rec R 3, B 9. Assist: R 15 (Della Valle 6), B 9. Spettatori 3500.

REGGIO EMILIA. Aradori è tornato indietro di due stagioni, a quando Datome gli aveva preconizzato il destino di prossimo italiano in Nba. La sua continuità casalinga è impressionante, firma il controbreak iniziale di 12-1 e con Messina punterà su di lui in quintetto.

Banks autografa il 25-30, poi Reggio piazza un superbreak di 30-7, complice un accenno di quintetto piccolo, con il 17enne Strautins pivot. Mai i biancorossi hanno chiuso al 2° posto, dovrebbe tenere la posizione, tantopiù con la sconfitta di Avellino, mentre Brindisi rischia di restare fuori dai playoff.

VANNI ZAGNOLI

Il Gazzettino, Venezia. Coach De Raffaele: “La differenza è stata nei tiri liberi concessi, 18 in più per Reggio. Nel primo tempo ha avuto solo Aradori. Quel rimbalzo di Veremeenko…”

Walter De Raffaele ha sostituito in panchina Charlie Recalcati
Walter De Raffaele ha sostituito in panchina Charlie Recalcati. Qui era un anno fa, vice

Vanni Zagnoli
Reggio Emilia
Walter De Raffaele è arrivato a tanto così dall’impresa della stagione, visto che la Grissin Bon al PalaBigi è ancora imbattuta, in campionato.
“Non abbiamo avuto la capacità di portarla a casa – racconta -, ma ho poco da rimproverare ai giocatori, se non qualche episodio nel supplementare. Le risposte sono positive, abbiamo margini di miglioramento, giochiamo con compattezza e solidità mentale. E ogni volta che Reggio è rientrata, siamo stati bravi a non farla scappare, in un punto a punto continuo. Torniamo con l’amarezza della sconfitta, comunque siamo stati all’altezza”.
Che cosa ha deciso?
“Un tiro dentro e fuori, siamo morti con la palla in mano alla fine dell’overtime. E poi quel rimbalzo di Veremeenko. Tutti episodi, che poteva essere risolutivi da una parte o dall’altra”.
Si aspettava questo Aradori, da ex?
“Sulle qualità di Pietro non avevamo dubbi. Reggio ha vissuto per due quarti sui suoi 19 punti, offrendo poche altre cose, in attacco, e poi ha chiuso con 25. E’ un giocatore da striscia, di cui abbiamo tutti enorme rispetto, anche sul piano umano”.
I due falli iniziali di Owens hanno inciso?
“Ogni volta che è entrato, poi usciva anche. In campo ci dà un atletismo non da poco. Succede di incappare nelle fallosità, dev’essere più avveduto e amministrarsi meglio”.
Aradori e Kaukenas assommano 49 punti, contro i 47 di Goss e Green. La differenza è tutta lì?
“Anche nei tiri liberi concessi, 32 contro i nostri 14 tirati. Abbiamo la nostra conformazione di squadra, tendiamo sempre ad aprire il campo, con uomini che preferiscono tirare da 3 e non a penetrare. A un certo punto era diventata la partita dei sette nani, con Polonara come pivot…”.
Cos’è cambiato, con la sua gestione?
“La matrice difensiva c’è sempre stata, ora c’è la possibilità di lavorare una settimana intera, senza le coppe. I giocatori prima giocavano senza allenarsi, come sempre c’è una presa di responsabilità maggiore, con il cambio di guida tecnica. Abbiamo alzato il numero dei possessi, cercando di mantenere un equilibrio: segnamo tanto, subiamo altrettanto, ma sono le nostre caratteristiche”.

 

Tuttosport, basket. Doppio infortunio per la Grissin Bon: lesione muscolare per Aradori, distorsione per Gentile. Kaukenas non si sa quando torna, serve tornare sul mercato

Aradori in Azione
Pietro Aradori

(v.zagn.) Reggio rischia di arrivare alle final eight di coppa Italia senza tre titolari. Aradori ha una lesione muscolare alla gamba destra, starà fuori per due settimane, appunto almeno sino al confronto di coppa contro Avellino. Dieci giorni di stop per Stefano Gentile, per distorsione tibio-peronale al ginocchio sinistro. Kaukenas è fuori da quasi due mesi per un’infiammazione alla spalla, è tornato in Lituania per una risonanza in alta definizione. Probabile il ritorno sul mercato.

Tuttosport, basket. Lo straordinario Aradori trascina la Grissin nelle Last 32. Sconfitto lo Smirne, anche grazie ai 10 punti e 6 rimbalzi di Golubovic. Brilla anche il solito De Nicolao

Vladimir Golubovic
Vladimir Golubovic prima di arrivare a Reggio

(v.zagn.) Dodici punti consecutivi di Aradori in 2’30” a inizio ripresa valgono il break per la prima vittoria della Grissin nelle Last 32. Contro i campioni di Turchia del Pinar, brilla sotto canestro Golubovic (10 punti e 6 rimbalzi), nella staffetta con Lavrinovic (13). Dal +14 del terzo quarto, Reggio amministra con la regia di De Nicolao. Reggio-Pinar Karsiyaka Izmir 88-81 (18-25, 46-42, 76-63): Aradori 22, De Nicolao 12.

Tuttosport, basket. Un tempo di Polonara, il secondo di Aradori. La Grissin batte Caserta di 25 punti, al 28′ era già 60-40: 5 assist per De Nicolao.

image
Aradori al tiro

Grissin Bon-Pasta Reggia 87-62 Reggio Emilia: De Nicolao 9 (1-2 1-4), Aradori 16 (2-3 2-4), Della Valle 16 (2-3 1-4), Polonara 15 (5-6 1-3), Veremeenko 7 (3-6); S. Gentile 6 (0-1 2-5), Silins 7 (3-5 0-1), Pechacek 2 (1-1), Lavrinovic 9 (3-5), Strautins (0-1 da 3), Bonacini. All.: Menetti.

Caserta: Downs 13 (1-6 2-6), Siva 14 (3-7 2-7), Cinciarini 11 (3-5 1-2), Hunt 5 (2-8), Jones 13 (4-7); Gaddefors 2 (0-1), Ghiacci (0-1 0-1), Giuri 4 (2-4 0-2), Ingrosso, Gravina ne. All.: Dell’Agnello.

Arbitri: Sardella, Lo Guzzo, Di Francesco.

Note: i parziali 23-18, 38-28, 66-47. Tiri da 2: Re 19-33, Ca 15-38; da 3: Re 10-24, Ca 5-20; liberi: Re 19-25, Ca 17-21. Rimbalzi: Re 37 (10 off, Veremeenko 8), Ca 32 (11 off, Jones 7). Recuperi: Re 9, Ca 8. Perse: Re 18 (5 De Nicolao), Ca 19 (4 Downs, Siva). Assist: Re 20 (5 De Nicolao), Ca 11 (4 Gaddefors). 5 falli: Jones. 3500 spettatori.

REGGIO EMILIA. (v.zagn.) Polonara e Aradori sono i primattori della serata, con un tempo a testa. Al 28′ il massimo vantaggio, sul 60-40. La Grissin resiste al vertice, con Cremona e pure Milano.

Basket, Premium sport. PIETRO ARADORI (Grissin): “In quattro favorite per lo scudetto. Bryant è un grandissimo, sono dispiaciuto per il suo addio”

Db Milano 07/02/2014 - Beko Final Eight coppa Italia di basket / Acqua Vitasnella Cantu'-Grissin Bon Reggio Emilia / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Pietro Aradori
Pietro Aradori

Ieri la redazione  di “Premium Sport” ha intervistato il cestista della Nazionale e della Grissin Bon Reggio Emilia Pietro Aradori.

 La trascrizione della chiacchierata 

Aradori dichiara: “Lo scherzo dei tifosi di Cantu’ al finto Gentile? Non penso si sia offeso, anzi l’ha presa sul ridere. Io non ho visto la scena ma conoscendo Alessandro non credo se la sia presa. La nostra vittoria a Pistoia? Abbiamo fatto una grandissima vittoria su un campo difficile, contro una squadra che era prima fino a ieri. Per questo la nostra vittoria vale doppio per noi. Non è importante il singolo, non si possono fare sempre venti punti ma sono felice per la prestazione della squadra e per la vittoria. Le favorite per lo scudetto? Io credo che le 4 squadre che si sono giocate la Super Coppa, cioè Milano, Reggio Emilia, Sassari e Venezia se la giocheranno fino alla fine. Sassari ha avuto un periodo difficile ma adesso è arrivato un allenatore molto bravo. Poi ci possono essere delle sorprese come Pistoia e Trento, ma credo che le quattro che ho detto si giocheranno il campionato fino alla fine, poi può succedere di tutto. L’addio al basket di Bryant? Ho letto la notizia quando mi sono svegliato. E’ un dispiacere immenso, è sempre stato il mio giocatore preferito perchè  gioca nel mio stesso ruolo e perchè è un grandissimo. Però visto le ultime due stagioni in cui ha avuto molti infortuni era una notizia non scontata ma ce la si poteva aspettare”.

 

Basket. Reggio sconfigge Berlino: Aradori realizza 22 punti, Della Valle chiude il match, la qualificazione è vicina

rimantas-kaukenas-rinnoma-altra-stagioneÈ Della Valle a sigillare la 4^ vittoria della Grissin Bon e la quasi qualificazione. La sua tripla a 1’30” dalla fine vale il 72-69, la rimonta è costruita nella ripresa, senza Kaukenas e Veremeenko usciti per falli. La corazzata Berlino conduce sino al +11, ma nell’azione finale sbatte contro il muro di Polonara. GRISSIN BON REGGIO EMILIA – ALBA BERLINO 74-71 (18-13, 29-38, 49-52): Aradori 22 punti, Polonara 15 rimbalzi.

Vanni Zagnoli

A cura di Alessandro Mazzarino